Il teatro forse è stato il primo amore di Cocuzzo artista. A lui dobbiamo una vasta produzione di commedie portate in scena in cento occcasioni e che hanno fornito materiale soprattutto a laboratori teatrali scolastici. Tre di queste sono raccolte nel libro "Antanne e mo" e sono  "Pasquetta a San Gerarde", "Arrivane gli francese" e "Glie menaceglie". Il linguaggio è quello usuale, quello che sempre più raramente si sente per i vicoli di San Donato Val di Comino. Ma è un liguaggio ancora vivo perchè quando viene usato risveglia qualcosa che si fa finta di aver dimenticato, che è legato alla giovinezza, ai nonni e i parenti di una certa età, ed è capace di risvegliare quelle suggestioni e quei sentimenti legati alla propria terra che l'italiano non riesce a evocare.

 

 

Pasquetta a San Gerarde

Commedia in due atti di Fulvio Cocuzzo

SCENA II (Mastre Gevannine, Crebbina, Natuccia, Angeline, Peppine)

Gevannine Natù, le scarpe adatte aglie vestite ce stiave? M’aracchemmanne, siervela bene. N’zia maie addemane une aessa avé besuogne. Frecala che faccia tosta: seme artista, aéma rescote, e apuò nen tieve manche glie uocchie pé chiagne. E intante, sta ntramera é fatte venì a figliama la velia de ì a fà Pasquetta. Ce ha ragione, povera Natuccia. Sempre a casa, n’esce maie. Ne cco de devertemente se glie meretarìa pure. Quasce quasce ce la porte a fà festa a cà parte. Eh, glie problema ene ca oramaie s’aessa maretià. Té quasce diciotto ianne. Angeline n’zaria male… é ne brave giovene, fatiatore, oneste… ma s’apuò a essa n’ce aessa piacé?

 

Cebbina Natù, nen sacce cumme te pozze rengrazià. Addemane matina te reporte tutte. Mastre Gevannì, arrivederci! (esce portando un grande fagotto)

 

Gevannine Neh Natù, ma che se sta a pertà, glie matarazze?

 

Natuccia Zitta, zitta papà, me ss’é pertata mesa casa. Me ne sò abbrevegniata i’ p’essa.

 

Gevannine E viave pure a fà la scampagniata!

 

Natuccia Le vire? Chiglie che sò desperiate se viave a devertì, e nu che grazie a ddì ne ne manca niente, aema stà chiuse a casa.

 

Gevannine Mo rechemenza la lagnia! Basta, va buone. Iamme a fà ssa Pasquetta. Vol dire ca vuoie se chiurre bottega e glie chemò de gnore Traiane se ne va n’gloria. Và, và n’cima a remetuarte ca ne vuoglie fà brutta fegura. Angelì, Peppì, rezelate le ferra ca vuoie se chiurre. N’ze fatia chiù. S’apuò velete venì che me a Galleniare, a magnià e beve, teneteve pronte fra n’oretta. Angeline Va buone gnore mà Peppine Gnore mà, i’ vaglie a dì a mamma se me ce manna. Gevannine Peppì, n’te scurdà de pertarte chella sacchetta de taccarelle, ca sta a mpeccià.

 

 

 

 

 

 

 

Copyright 2001-2014 © Pretaonlus www.pretaonlus.it

pretaonlus @ gmail.com - fulviococuzzo@libero.it  tel. 347.5808721

\ Sito Promozionale di Cultura del  Basso Lazio dell' Associazione onlus PRETA - via Sotto le mura snc - 03041 Alvito (FR)

p.i. 02194120602