Le poesie sono un altro piatto forte del suo spettacolo. Spesso originali, alcune sono dei rifacimenti in dialetto di poesie famose come "San Martino" o "Si fossi foco". Altre sono delle ricerche linguistiche molto interessanti in monorima (Gli rimierie) o con l'uso dei plurali neutri diffusissimi nel dialetto come "secchiera" (secchi), carciofela, ficura (carciofi, fichi). Il dialetto viene usato in tutte le sue sfumature con parole sempre più destinate all'oblio perchè soppiantate da quelle italiane che la vita di tutti i giorni, la televisione, la "cultura" ufficiale ci costringe ad usare. Ma nelle poesie, nelle canzoni esse restano scolpite con l'intento di tramandarle senza perdere quella cultura di secoli a cui esse sono legate. Un esempio sopra tutti è la poesia "Gli nzulte" (gli insulti).

 

 

Glie nzulte (sonetto)

Allora é vere ca me sì nzeltuate,

Sì ditte a tutte ca sò ne cafone.

Cumme te sì permisse, abbescelate,

Vastase, pezzelende, berzaccone,

 

Lazzare, alluocche, sciornie, rabberzate,

Zuappe, viestia, tanguanguare, sebbione,

Trippa de fecce, ciàine, streppeiate,

Avesebbie, zelluse, sargettone,

 

Tirchie, testa de puorche, ntesechite,

Petonte, rattelluse, ntorzapanza,

Vavuse, iòie, cerbeseie, ntentite!

 

T’avasta o vuò sentì quelle c’avanza?

E n’atra vota mparate, scemite,

C’alle parlà ce vò ne cco crianza!

 

 

 

Le campà (Quess'é) (sonetto)

Ne zenalucce che ne panierine,

Glie prime iuorne d’asile… e sì frecate.

Vacce alla scola tutte le matine!

Dope la scola arriva glie soldate,

 

La fatìa, le tabbacche, glie quatrine,

La casa, l’atemobbele, le rate.

Te spuse: èsse glie figlie, oie che destine,

Sì viecchie e nen sì ancora resciatate!

 

Glie figlie se ne viave… é n’illusione:

Ce ò rà na mane a cresce le criature?

E te salute chella cco penzione.

 

Intante iave arreviate glie delure

E tra na freve, na tossa e na nezione,

Te bieglie muore e te la piglie n’cure!