Gnore Remigge (1988)

  • Gnore Remigge

  • Le vaglione de Sandrennate

  • Cucchi e Gigge

  • Abbrevegniatevenne

  • Blues deglie cuccione

  • La canaglia deglie ianne '50 

  • Glie tarramute

  • Nenna sea    

  • La motocicletta  

  • Alla canti'

Roberto Cocuzzo : piano, tastiere, chitarre, mandola e coro

Fulvio Cocuzzo : chitarra, armonica e voce solista

 

 

Fulvio Cocuzzo comincia la sua attività discografica nel 1988 con l’album "Gnore Remiggio", una raccolta di canzoni che suscita subito l’interesse dei compaesani. Tra le altre fanno spicco "Nenna sea" che racconta di San Donato e dei paesi limitrofi con tono scanzonato (si potrebbe anche intitolare San Dernate che paese fertenuate visto che lo ripete di continuo), "Glie tarramute" dedicata al terremoto del maggio 1984 e della vita in tenda, e una bellissima e delicata "La motocicletta" , la storia vera di un ragazzo che perse una gamba a seguito di un incidente con la sua Guzzi 750.   

 

 

La canaglia deglie ianne cinquanta

 

 

Addò è fenita la canaglia deglie ianne cinquanta :

Paccitte , Pizzicotte , Pescecca , Petuanna ?

Facce da dopoguerra , capiglie triate ancora arrete ,

E na velia de campà che vuoie nen ce se crede .

 

Addonna sta Riccarde e Ruggiere e Nespolone

E glie iatre scalmaniate della banda ‘glie Vallone ?

Chi s’è pelate e chi spesate e glie iatre , dimme tu :

Iave partite na matina e n’z’iave viste chiù .

 

Parle de storie vecchie , de ne  tiempe ormai passate ,

La neve del cinquantasei , le chenghe scapestrate ,

Glie soprannome senza gloria : Barile e Mascina ,

Zuzzù , Acchiappapecciune , Zenalotte e Merecina .

 

E chi se glie recorda chiù glie cinema deglie Abbate ,

Glie bigliardine de Faéle , le scarpe reselate ,

La squadra de pallone : Banana che gioca a portiere ,

E l’anarchia  paisana delle maglie rosce e nere .

 

Andanne se pazziava che le frecce a fenecchiette ,

A chiarte pe le sportera , a nuase e a banchette ,

A ticcia montanara , a sine e a battemure ;

glie gins  ivane già de moda , ma che le pezze n’cure .

 

Chi teneva na lira se chemprà glie Topoline ,

La teppa invece se sfrenava che ne carrozzine ,

Zizì eva già persona seria : se fece la Lambretta ,

Palmire se rempé la testa che na bicicletta .

 

E la fatìa a dudece ianne , le scole maie fenite

E ne mestiere che n’te dà le pane garantite ,

Ne biglie iuorne però t’arriva ne viste pe glie passaporte ,

Salute mamma e puatre ,  apuò te mbiarche e bonanotte.

 

Addonna sta la lapide , chi è messa na Vittoria

A tutta na generazione che pure té na storia ?

Iate a veré alle Mole , alla Palestra , aglie Cerquite :

Forse se legge ancora  ne “ recorde “ sculerite .

 

 

 

Copyright 2001-2007 © Pretaonlus

www.pretaonlus.it - info@pretaonlus.it - fulviococuzzo@libero.it

tel. 339.6301836