Siante e breghiante (1995)

  • Sole sole sante
  • San Cesine
  • Aglie Ammarieglie 
  • Cicerenella
  • Suddista
  • Terra di Lavoro   
  • Glie bregante
  • La Custarella
  • 1763
  • Sciocca sciocca sciocca

Fulvio Cocuzzo  :  voce, chitarre, armonica

Stefania Cocuzzo : voce

 

Nel 1995 esce l’album piu’ bello ed interessante "Siante e Breghiante". Tutte le canzoni in esso contenute hanno diritto ad essere menzionate : "Cicerenella" che e’ un’edizione ciociara della più famosa canzone popolare napoletana; "Sciocca sciocca sciocca" e’ una filastrocca sandonatese; e poi "Sole sole sante" che fa da introduzione a tutto l’album; San Cesine" che parla della festa popolare del 30 agosto; "Glie Ammarieglie" che descrive un’antica zona di San Donato; "Suddista" , una risposta arrabbiata al credo della Lega Lombarda; "Terra di Lavoro", sentita canzone sulla sua terra; "Glie Bregante" che prova a dare, in tono ironico, una sorta di scusanti alle malefatte dei briganti dell’ottocento; "La Custarella " altra parte suggestiva del suo paese ed infine "1763", canzone che descrive gli anni della carestia e della pestilenza. Tutti gli strumenti sono suonati da Fulvio con la tecnica della sovraincisione. Particolarmente accurato e' l'uso dell'armonica a bocca che Fulvio  suona con maestria. Questa volta c’e una voce nuova che lo accompagna: la voce di sua figlia Stefania che all’epoca delle registrazioni era di appena sette anni ma se la cava in modo egregio.  

 

Terra di Lavoro

 

Terra di Lavoro , terra de sangue e sedore .

Terra d’amore , addò ce batte glie sole .

Addò se chive ene acquazzone ,

Se tira viente è temporale ,

Addò fa fridde e nen sule a Natale ,

Se fa la neve te vé a rabbelà .

Terra te vuoglie cantà .

 

Guarda sta Valle , e vire quanta chelure .

Va alla campagna , siente c’addore de fiure .

Diece paese tutte arrampecate

N’cima a mentagne e colline ,

Case che brillane rosce e dorate ,

Titte che ciente camine .

Chi sa c’artista è fatiate

Pe farla accuscì bella la Valcomine .

 

Terra addò so nate ,sposa lassata e retota .

Terra chiagnuta a lacreme d’emigrate .

Terra de tanta padrune e segnure

ch’iave venute sempre da fore

Ma addonna pure glie pegge straccione

Se sente barone e se fa respettà .

Terra te vuoglie abbraccià .

 

Rentre a sta Valle , fine addò scorre glie sciume ,

Canta la voce de ciente generaziune

Che n’aracconta le storie lentane

De farabbutte e de siante ,

De grand’artista e breghiante ,

De galantuomene e contadine ,

Storie che fiave la storia

De tutta la gente della  Valcomine .

 

Terra scunzelata , de fecuriale arammuorte .

Na serenata n’ze canta chiù pe glie spuorte .

E già glie spine s’arrobbane glie uorte ,

E cresce  l’erva già nnianze alle porte .

De chi sariave sse glive  carute ,

Nesciune l’è cote , s’iava nfracerà .

Terra nen  t’ià  rasssegnià .

 

Tutta sta Valle parla de chi c’è campate ,

De chi l’è fatte ste case de prete squadrate

E n’è lassate ste vicule e chiese

E st’ialbere e ste fentane ,

Ma , chiù de tutte , ste belle

Parole paisane che n’iava avé fine ,

Ca se le teneme a mente

Seme sempre la gente della Valcomine .