Andanne (1990)

  • Bar Italia   
  • Glie cuane de paravente
  • Sette auste
  • Rezela se ferra
  • Sabate de maggie
  • Andanne
  • Te giova Gevanni'
  • Via Belfiore
  • Serenata all'antica  
  • Sera e massera

Mariella Caldarelli, Carlo e Fabio Rufo : coro

Roberto Cocuzzo : assolo di chitarra in "Rezela se ferra"

Fulvio Cocuzzo : voce, chitarre, armonica

N.el 1990 esce il secondo album "Andanne" (Allora) che, come dice il titolo, parla del passato di San Donato cominciando con i personaggi che popolavano Via Belfiore più volte citata nelle sue canzoni, Serenata all'antica, Sette Auste, sulla festa di San Donato del 7 agosto, come l'aveva vista a vent'anni e come la vede ora a quaranta, Sera e messera , una simpatica filastrocca, Sabbete de Maggie e Bar Italia dove ne descrive gli avventori. In questo album, che e' anche quello preferito dall'autore, c'e' una notevole crescita, Fulvio suona quasi tutti gli strumenti e trova finalmente un suo modo di essere cantautore.

 

 Sabbate de Magge

 

Che brutte Magge , nen s’è fermate maie de chiove .

Ma steme a Magge, oppure è tiempe ancora de viole ?

Però ste Sabbate è ne iuorne speciale , è scite glie sole ,

Da na finestra te vé a saletuà pure vuoie .

 

Ma sì sentite quant’acqua è fatta iere sera ?

Eva venute glie Mmierne a remmannà la Primavera .

Però ste Sabbate è bieglie serine , vì quanta rundene n’ciele ,

Iave lassate glie nire e se fiave ne vole .

 

Iave scite tutte in fila glie mammuocce dell’elementare ,

E mo viave cammenenne arate e se diave la mane .

Sule tu nen ce stià , maddemane n’te sì revegliate ,

E che fa , a ott’iane  na vota se po’ esse svogliate .

 

Ma tu ne vuò sta chiuse dentre ,

Aspiette glie chempiagne , già sì pronte .

E quande glie siente , glie vire passà ,

Ce vià a rescì ncontre .

 

Viave alla chiesa , cacune appiccia na cannela .

Rentre alla chiesa fa fridde che quasce se iela .

Ma tu ne le siente le fridde , tutte se struignene vecine a te .

E valle a capì perché stiave ammessuate s’amice tié !

 

T’iave misse glie vestite della festa e stià cuntiente ,

E’ passata la  mmernata e vè glie buonetiempe .

Da vuie può ì all’aria a pazzià n’zegna aglie atre a fa le capriole ,

Può fa tutte quante le corse che vuò n’facce a sole .

 

Ma intante s’è fatte tarde ;

Esse  na citra , t’è venuta a chiamà .

Te dice : è pruopa tarde ,

Nen perde tiempe , ne sta a saletuà .

 

Tu ne la fa aspettà , n’avé paura , nen te fa cria .

Mo te vé acchempagnià , essa chenosce la via .

Essa sa iere e sa pure addemane , e te se porta lentane .

Te se porta senza fa remore , cumme se coglie ne fiore .